';

Fondi terminati, il Mise chiude lo sportello per la Nuova Sabatini

Soldi terminati. Il Mise ha chiuso lo sportello per la presentazione delle domande per l’accesso ai contributi previsti dalla Nuova Sabatini. Dal 2 giugno le domande presentate dalle imprese sono considerate irricevibili.

La CNA aveva lanciato l’allarme sull’esaurimento delle risorse destinate a uno degli incentivi più efficaci a favore delle PMI. Proprio per tale motivo la Confederazione ha chiesto al Governo di rifinanziare urgentemente la dotazione della Nuova Sabatini almeno per 4-500 milioni. Una somma sufficiente per coprire tutto il 2021 attivando investimenti da parte delle imprese nell’ordine di 6 miliardi di euro.

Il Mise specifica che, qualora entro i sessanta giorni successivi alla data di chiusura dello sportello si rendano disponibili ulteriori risorse (derivanti dalla riduzione dei finanziamenti deliberati dalle banche rispetto agli importi prenotati ovvero da eventuali rinunce da parte delle imprese beneficiarie), le stesse possono essere utilizzate esclusivamente per incrementare l’importo della prenotazione disposta in misura parziale e, successivamente, per soddisfare eventuali altre richieste di prenotazione risultanti prive di copertura, nel rispetto dell’ordine di presentazione delle stesse all’interno della medesima trasmissione mensile. Le richieste di prenotazione del contributo, relative a domande presentate dalle imprese alle banche o intermediari in data antecedente al 02/06/2021, potranno comunque essere trasmesse al Ministero entro lunedì 7 giugno 2021, acquisendo priorità in caso di eventuale riapertura dello sportello.

Le domande delle imprese presentate alle banche o intermediari in data antecedente alla data di chiusura dello sportello e non incluse in una richiesta di prenotazione delle risorse inviata dalle medesime banche o intermediari finanziari al Ministero dello sviluppo economico potranno essere ripresentate in caso di eventuale riapertura dello sportello.

Consiglia
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIN
  • Pinterest
Condividi